facebook rss rss
 
 

Bando   -   Brochure   -   Regolamento integrale   -   I manifesti in concorso


Manifesto n. 37

I Fiori dell'Avena
4°B, Liceo Scientifico G. Marconi


La presentazione degli autori:

Il manifesto che abbiamo voluto proporre quest’anno parte proprio dall’idea di fondo del concorso: l’imprevedibilità dell’incontrarsi.

Abbiamo però cercato di cogliere una sfumatura diversa e più distaccata dall’incontro interpersonale, spingendoci fino all’infinitamente piccolo. Riflettendo infatti sul mondo che ci circonda, abbiamo constatato che esso stesso ci offre il più lampante esempio di incontro imprevedibile: gli atomi, anche se legati logicamente in modo da formare un qualsiasi ente di uso comune, si scontrano tra loro in modo del tutto casuale. Eppure, è proprio grazie a questa casualità che, la maggior parte delle volte, la natura ci regala spettacoli unici ed irripetibili.

È qui che la nostra scelta acquista senso: se tutti noi, nel nostro piccolo, cominciassimo ad abbattere le barriere e i pregiudizi per essere più aperti all’incontro con l’altro, con il “nuovo”, scopriremmo con grande stupore che quegli stessi individui che cercavamo di evitare o alle quali non prestavamo particolare attenzione possono rivelarsi modelli da seguire e fonte di esempi per diventare persone migliori.

Purtroppo, la società odierna ci sta imponendo uno stile di vita sempre più frenetico e “organizzato”, che non lascia più spazio alle relazioni che contano, agli incontri che formano l’anima di una persona... Le immagini che sempre più spesso ci arrivano dai media sono semplicemente scioccanti: strade piene di gente che cammina a testa bassa, intenta a pensare a “ciò che verrà dopo” piuttosto che a cogliere l’attimo e rendere ogni momento un occasione per rapportarsi con l’altro, scoprendo altre realtà oltre a quella in cui siamo rinchiusi e sempre più incapaci di uscire.

Noi pensiamo che sia giunta l’ora di scrivere la parola “fine” sul grande libro delle occasioni sprecate e degli incontri senza sentimenti veri.

Ci crediamo e, come diceva qualcuno, “togliamo il “non” dalla frase “non posso”!



I commenti espressi su questo manifesto:

Gio (22/feb 12:45): brutta e poco lavorata

Floriana (24/feb 07:04): Bella l'idea

Stella (3/mar 06:36): Mi é piaciuto molto, soprattutto per l'efficacia del messaggio che mi è arrivata subito ai sentimenti



 
PGC © 2011-2017 - Ultima modifica alla pagina: 9/4/2016info sui cookie  -  ...contattaci!